AAA, cercasi dominatrice: per lavoro d’ufficio

Scritto da
/ / 7 Comments

© Riproduzione riservata

IMG 8898 300x200 AAA, cercasi dominatrice: per lavoro dufficio C’erano una volta le segretarie, ora in ufficio ci sono le Dominatrici. Me ne sto beatamente all’Euclide con il mio marocchino (caffè s’intende) a scrivere della mia sfiga con uomini e similari. A interrompere il mio momento di pace  ci pensa il cellulare. Strano, penso, è stato in silenzio per 10 minuti, adesso qualcuno doveva rompere. Rispondo con la cortesia di uno che è stato appena stato castrato: “Signora Cuccaro? – dice una voce melliflua tendente alla ‘Signorina Rottermaier’ – la contatto dal giornale ***, volevamo averla per un colloquio“. Da acida castrata divento, d’un botto, gentile come Madre Teresa. Hanno visto “Sex and Rome” e vogliono offrimi una collaborazione: il mio ego sale fino all’esosfera, si fa un giro nella Via Lattea e poi torna a sorseggiare il marocchino. Il colloquio è per il giorno dopo.

{ Rispolvero il talleur delle grandi occasioni e vado a via della Scrofa, 5 piano }

La segretaria Rottermaier mi accoglie con la gentilezza di un Pit Bull e mi porta dal mio potenziale datore di lavoro. Sarà una coincidenza o per restare in tema: fatto sta che mi fa pensare al nonno di Heidi, è pacioso e con la barba bianca. Maliziosi occhialini da ragioniere. Ha letto la mia rubrica e mi offre 2 mila euro al mese. “Per narrare le sconcezze dei romani?” penso, pronta a lanciare il mio ego per un altro giro nell’Universo. Macché. In modo molto professionale, dandomi del lei, mi chiede di essere la sua dominatrice (sessuale s’intende). Presentarmi a sorpresa in redazione, entrare nel suo ufficio mentre è in riunione fingendomi una segretaria e lanciargli occhiate minacciose. Lui è steso a terra, nudo. Sente i miei passi che si avvicinano, lo calpesto con il mio tacco 12 fino alla gola. Devo dire: “Leccami il tacco schiavo, e non fiatare”. Questo il mio lavoro. Se non altro, con 2 mila euro al mese potrei comprarmi una borsa e un paio di Jimmy Choo ogni venti giorni. Saluto la Rottermaier e mi fermo a guardare Albano a piazza di Spagna. Scarpe niente male, e non devo calpestare uomini per potermele comprare…

Foto: Mauro Rosatelli

Leggi anche:

Maschi… tremate, le Mistress sono arrivate (e hanno tutta l’intenzione di restare)

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

 

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 23 aprile 2013

    Mara

    Ahahah!! Io avrei accettato, 2 mila al mese sono tanti..

  2. 23 aprile 2013

    Siria

    Cavolo, una bella cantonata.. Però guarda i lati positivi: se ti ha chiamata vuol dire che sei un personaggio sempre più noto. E comunque grazie a quest’avventura hai scritto un articolo divertente ;)

  3. 23 aprile 2013

    roberto

    Verrebbe da chiedersi se anche la Rottermaier gli faccia dei servizi “extra” o meno..

  4. 25 maggio 2013

    Pino

    Behh..io penso che se fosse stato un uomo di tuo gradimento..le cose potevano andare diversamente,non credo proprio che le ci si accontentava di un calpestio..ma bisognerebbe anche sapere fin dove tu volevi spingerti in quel frangente..Tu cosa ne pensi Sabina? ti sarebbe piaciuto?

  5. 25 maggio 2013

    Sabina

    se me ne sono andata, vuol dire di no!

  6. 11 giugno 2014

    chiama

    lecco piedi pago vacanza a due donne padrone con amici

    • 11 giugno 2018

      Miss Eva adore

      Seguimi su instagram! @missevaadore

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro