Porno-Amarcord per Riccardo Schicchi

Scritto da
/ / Lascia un commento

© Riproduzione riservata

GABRIELLA SASSONE CON MAGGIE ANDERSON E DAVID FOTO ADNREA ARRIGA 300x225 Porno Amarcord per Riccardo Schicchi

GABRIELLA SASSONE CON MAGGIE ANDERSON E DAVID

Serata amarcord in gloria di Riccardo Schicchi, tra lacrimucce di commozione, applausi e sexy show, l’altra sera al Blue Moon di Via Quattro Cantoni. Il re dell’hard se n’è andato in silenzio il 9 dicembre scorso a soli 60 anni per complicanze legate al diabete che lo attanagliava da anni, ma le persone che lo hanno amato, conosciuto e quelle che hanno lavorato con lui non riescono a dimenticarlo. Riccardo, colui che sdoganò il porno italiano in tempi non sospetti e rese le pornostar dell’epoca più famose dei calciatori tanto da finire in Parlamento, era davvero unico nel suo genere. Tanto che la bella ex mogliettina Eva Henger, madre dei suoi due figli Mercedes e Riccardino, rimasta al suo capezzale in ospedale fino al momento in cui si è spento, dice di non vedere un suo erede all’orizzonte. E’ stata proprio Eva ad organizzare insieme al neo marito Massimiliano Caroletti, sposato alla Chiesetta sconsacrata di Caracalla 2 settimane fa, la serata celebrativa per ricordare Schicchi, che gli amici più malandrini amavano chiamare Schizzi (ogni riferimento alla sua professione è puramente casuale!). E così il Blue Moon, aperto proprio da Riccardo tanti anni or sono, si è riempito di sexystar, pornostar, artiste da lui lanciate e scoperte e amici storici. La Henger ha presentato la serata un pochino emozionata. Mini abito nero paillettato, tacchi assassini e le lunghe gambe da Barbie in bellavista, Eva ormai moglie e madre perfetta (da Caroletti ha avuto la piccola Jennifer), ha ricordato la vita e gli anni ruggenti del suo primo marito, che realizzò il primo soft-porno italiano nel ‘79 e il primo hardcore nell’85. Già fotografo e regista, insieme ad Ilona Staller, fondò l’agenzia “Diva Futura”.

 

Il mondo porno presente

FLAVIO KOEA MAGGIE ANDERSON GABRIELLA SASSONE DAVID FOTO ANDREA ARRIGA 300x136 Porno Amarcord per Riccardo Schicchi

FLAVIO KOEA MAGGIE ANDERSON GABRIELLA SASSONE DAVID

La Henger e Caroletti hanno accolto via via gli ospiti che arrivavano, prima di dare il via alla lunga serata (a stomaco vuoto). Ecco quel che resta di Barbarella, quasi 50enne, che sembra soffrire più di tutte per la scomparsa di Schicchi: al suo funerale, disperata, l’hanno dovuta sorreggere in due tutto il tempo. E lo ricorda parlando con un filo di voce tremolante. Ci sono l’esplosiva Roberta Gemma, anche lei fresca sposa, la rediviva Loredana Bontempi, la bombastica Maggie Anderson scortata dal fidanzato bonazzone e fisicato meglio di Braccio di Ferro Devid D’Amico (che si occupa con Andrea Autullo della Nazionale di calcio del Pornoattori denominata “Hot Star Team”), la rossa Asia D’Argento col marito regista hard Guido Maria Ranieri, Cherie. Si esibiscono in sensuali balletti e strip le nuove leve, Vittoria Monti, Roxie e Pedra Satin che sfoggia la bandiera tricolore sul corpo dipinto col body painting. A ricordare Schicchi sul palco, come in una sorta di talk show, salgono il simpatico pornodivo Francesco Malcom che dopo 2.000 film nell’epoca d’oro si è rimesso le mutande ed è diventato un richiesto attore e sceneggiatore di pellicole horror; il vulcanico Flavio Koea che collaborò con Riccardo ai tempi del Partito dell’Amore e ora sta organizzando per luglio a Roma l’evento socio-erotico-culturale “Love Lab”; Maggie Anderson e Mara Keplero, amica di sempre. Impossibile non notare l’assenza di due cavalle di razza della scuderia di Schicchi: Ilona Staller (che pure figurava nella lista dei presenti) e Milly D’Abbraccio. “Si saranno perse per strada o hanno dato buca volontariamente?”, si chiedevano i paparazzi. Mistero gaudioso! Ad applaudire il lungo filmato con la vita, le opere e i miracoli di Schicchi, anche l’ex pornoattore Maurizio Hogan detto Il Calamaro e la giovane e ribelle sexystar più gettonata del momento, Beatrice Pantera, capelli rosa, trionfo di piercing e tatuaggi spalmati sul corpo. “Ritornerò in veste di farfalla”, il titolo della serata, la prima di una lunga serie di eventi a lui dedicati, come ha ricordato Caroletti, che una volta al mese prenderà la direzione artistica del Blue Moon e apparecchierà serate teatrali in onore di Riccardo. “Non ci saranno nudi né spettacoli hard che non mi appartengono”, ha chiarito subito il produttore. “Questa è una festa di famiglia, in memoria di un grande padre professionale, di un amico geniale, di un anima nobile in un settore controverso ed osteggiato da giuste e meno giuste censure”, commentavano le sue star. “Lui ci starà osservando da lassù e chissà che prima o poi non giri un film sul sesso degli angeli”, diceva qualche altro.

 

Eva Henger

EVA HENGER 300x236 Porno Amarcord per Riccardo Schicchi

EVA HENGER

E tra piccole curiosità, aneddoti più o meno piccanti sulla sua vita, un plauso va di sicuro alla Henger: sebbene abbia cambiato vita da tempo e abbandonato l’hard ben presto ha voluto ricordare con grazia ed eleganza l’uomo che ha amato a lungo, nonostante il suo lavoro, le denunce, gli arresti. Intanto, il 17 maggio sarà nelle librerie il romanzo “Non dite alla mamma che faccio la segretaria”, edito dalla Sperling&Kupfer e scritto dalla giornalista Debora Attanasio, che è stata per 9 anni la segretaria di Schicchi. Non vediamo l’ora di leggerne delle belle, considerando tutto quello che avrà visto e sentito lei. Dopo questa celebrazione, con l’animo un po’ più sollevato, i neo coniugi Caroletti potranno partire per l’agognata luna di miele. “Tra pochi giorni andremo in viaggio di nozze a Miami, ospiti nella villa di Tomas Milian, mio grande amico e testimone di nozze”, confessa Massimiliano, che ieri pranzava al Parco dei Principi con il leggendario divo, indimenticabile nei panni der Monnezza Nico Giraldi. “Con lui, dopo “Roma Nuda” inizieremo presto a girare un nuovo film sul ritorno del mitico Gobbo Vincenzo Marazzi. Si intitolerà “Roma Capoccia”, come la canzone di Venditti che era il leit-motiv del film-stracult. Il Gobbo-Milian, caduto nel Tevere con la sua macchina alla fine de “La banda del Gobbo”, si risveglierà dopo 30 anni in ospedale”. Milian, che ora ha 80 anni, sarà ringiovanito di almeno 15 anni col trucco. E il film è già sulla carta un successo stra-trash annunciato. Come dire, imperdibile. Altro che i porno, ora che Riccardo riposa in pace!

di Gabriella Sassone

Foto: Andrea Arriga

Leggi anche:

ROCCO, ROCCO, FORTISSIMAMENTE SIFFREDI

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK, METTI IL TUO MI PIACE SU SEX AND ROME

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro