Racconto Erotico “Appuntamento con la perversione”

Scritto da
/ / Lascia un commento

© Riproduzione riservata

 Racconto Erotico Appuntamento con la perversioneAppuntamento con la perversione…

Alle quattro del pomeriggio Flavio passa a prendere la sua fidanzata Beatrice per andare al loro hotel preferito, dove trascorrono svariate ore all’insegna del sesso e della perversione. Durante il tragitto, che solitamente dura 35 minuti, cominciano a chiacchierare degli avvenimenti della giornata e a spettegolare un pochettino, fino a quando, attraversando il tratto della via Salaria battuto dalle prostitute, il discorso ricade sul provocante abbigliamento di Beatrice, che indossa un attillato vestitino nero, corto al punto da far intravedere gli elastici delle autoreggenti e parte del perizoma bianco; scollato da far intravedere il petalo intorno al capezzolo. A quel punto Flavio, visibilmente eccitato, le butta una mano tra le gambe e stringendola dolcemente le dice: “Se scendessi tu su questa strada si formerebbe una coda chilometrica solo per ammirare il tuo stupendo culo!”. Lei, mezza stizzita e mezza compiaciuta, gli rifila uno schiaffetto dicendogli semplicemente: “Stronzo!!!”.

 Racconto Erotico Appuntamento con la perversione

LEGGI ANCHE: AVENTINO… NOTTE A TUTTO SESSO

Il controllo a un posto di blocco

Gli animi e i corpi cominciano a scaldarsi ma, a pochi chilometri dall’albergo, una pattuglia di giovani carabinieri li fa accostare. Controllano i documenti dell’auto e di Flavio, al quale chiedono: “La signorina ce li ha i documenti?”. Alché Flavio, stizzito perché il carabiniere voleva alludere che la sua fidanzata potesse essere una prostituta di quella strada, risponde in malo modo: “Certo che ha i documenti!” e rivolgendosi a Beatrice: “Prendi i documenti e mostraglieli!”. Non contenti, chiedono la visione del triangolo di emergenza. Flavio apre il baule e, mentre prende il triangolo, il carabiniere vede una valigetta e ne chiede il contenuto. Flavio, ancora più irritato, dice che ci sono cose personali. A quel punto Beatrice scende dalla macchina, col suo fisico mozzafiato e dice: “Amore, aprila e non perdere tempo!”. Flavio inserisce il codice del lucchetto e la apre. Beatrice afferra un fallo realistico dalla valigetta e lo mostra ai carabinieri dicendo: “Sono i complementi dei nostri giochini intimi!”. I carabinieri, che mai avrebbero immaginato il contenuto, imbarazzati e zittiti da Beatrice, arrossiscono, si scusano e fanno rimettere in viaggio i due che soddisfatti dell’epilogo, non vedono l’ora di giungere alla loro lussuriosa alcova.

La routine preparatoria

 Racconto Erotico Appuntamento con la perversioneDopo pochi minuti fanno il check-in all’albergo e salgono nella loro stanza. Mentre Beatrice va in bagno, Flavio riapre la valigetta e comincia a sistemarne il contenuto nella stanza: sul comodino mette il fallo realistico, un butt-plug small, un butt-plug medium a 3 step, un butt-plug con vibrazione e pompetta per ingrossarlo, un vibratore rigido durex; sul tavolino ci va la bottiglia di rum scuro, due bicchieri chupito, la bottiglietta d’acqua, le patatine Rodeo e gli Sticks; vicino alla tv monta il lettore dvd per vedere i filmati hard; sul letto: le tovagliette intime, i fazzolettini, il telecomando, e gli asciugamani.Tra patatine, i chupito di rum e una sigaretta si commentano i filmati. Spente le sigarette, cominciano i baci, le carezze di unghia da pelle d’oca e vigorose palpate. Dopo un po’, appurato che la passerina di Beatrice è copiosa di umori, Flavio d’impeto la gira, le fa appoggiare le mani sul letto, sposta il perizoma da un lato e tirando l’uccello fuori da un lato del suo slip lo ficca dentro in un sol colpo fino a farla sussultare dal piacere misto a dolore. Dopo aver giocato, Flavio si fa ripulire lentamente il fallo dagli umori di lei con la lingua, dopodiché la fa sdraiare a gambe divaricate sopra un’asciugamani piegato e si siede accanto a lei. Le fa segno di tirare la “Maniglia del Piacere” (ovvero, quei peli pubici localizzati approssimativamente sul “Monte di Venere”, quei peli che nessuna donna dovrebbe mai rasare o accorciare in quanto fondamentali per far sì che il clitoride sia meglio scoperto e meglio inturgidito per favorire il raggiungimento dell’orgasmo alla donna). Dopo averle ficcato dietro un butt-plug vibrante, con la mano le comincia a massaggiare il clitoride. Lai gode. Adesso che Beatrice ha fatto cadere ogni minimo freno inibitorio, può cominciare a dare il meglio di sé. Prende il suo membro fino in gola e contemporaneamente graffia leggermente con le unghia della mano lo scroto sodo, stando sempre attenta nel mantenere ritmi adeguati al fine di non far venire Flavio: la serata è appena iniziata e lei non vede l’ora di essere impalata per farsi fare il giochino completo in cui lei deve solo venire ed urlare.

Pensieri e desideri perversi Racconto Erotico Appuntamento con la perversione

Così, dopo qualche altro chupito di rum che ha un effetto viagra e un effetto ritardante, dopo aver giocato in varie posizioni con penetrazioni anali, vaginali e pure doppie con i vari toys, Flavio si stende sulla parte asciutta del letto e Beatrice subito recepisce di impalarsi analmente dandogli le spalle, in modo tale che il suo amato con la mano sinistra le afferri e le tiri  la “Maniglia del Piacere” e con l’indice e/o il medio della destra le sfreghi il clitoride esercitando il giusto movimento. L’orgasmo di lei esplode in incontrollate urla di piacere, in un impalamento totale e soprattutto con copiosi spruzzi di squirt che bagnano il letto e le gambe fino a scorrere lungo lo scroto di Flavio. Una volta raggiunto completamente il piacere, Beatrice toglie le mani di Flavio, e mentre è ancora impalata si comincia a penetrare con il fallo realistico mentre guarda desiderosa i filmati porno. Comincia a sussurrare che in quel momento le sarebbe piaciuto avere lì i due carabinieri che li avevano fermati…. quei due a cui era venuto duro nei pantaloni e che a lei non era sfuggito….le sarebbe piaciuto che uno la penetrasse al posto del toy e che l’altro glielo mettesse in bocca fino a soffocarla…. provocando così in Flavio una contrastante sensazione di gelosia lancinante ed eccitamento intenso. Bussano alla porta.

Tiziano, 3° classificato al concorso: “Un racconto erotico per “Sex and Rome”

Leggi anche: Il quinto gradino

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro