Balle di fieno e turbante, la sfilata più alternativa di Alta Roma

Scritto da
/ / Lascia un commento

© Riproduzione riservata

lettieri1 400x296 Balle di fieno e turbante, la sfilata più alternativa di Alta Roma

 

Oggi si conclude Alta Roma, la settimana della moda che si tiene due volte all’anno nella Capitale. Niente a che vedere con Milano, ma devo dire che questa volta le sfilate mi sono piaciute di più. Sarà che in tempo di crisi bisogna aguzzare l’ingegno… E lo ha aguzzato benissimo Nino Lettieri che per la sua sfilata ha organizzato una giornata stile “British” al circolo del polo di Roma. Cuscini bianchi per sedersi adagiati su balle di fieno, pranzo al sacco, cappello dress code (grazie per avermi dato la possibilità di sfoggiare i cappelli improponibili che compro e che puntualmente mi ammuffiscono nell’armadio!). Qualche carampana romana ha borbottato perché si è dovuta mangiare il panino con la porchetta al sacco, invece alle ragazze (e io rientro ancora nella categoria) è piaciuto parecchio. Detto questo, siccome di moda io ne capisco più o meno quanto Belen di Astrofisica, per tutte le fashioniste pubblico il comunicato della sfilata.

Leggi anche: Il corsetto ti fa sexy, i consigli della look maker

 

NINO LETTIERI

Gli ingredienti che hanno reso unica la sfilata di Nino Lettieri c’erano tutti: una splendida giornata d’estate, un’atmosfera insolitamente british grazie agli originali cappellini sfoggiati dalle ospiti e una testimonial d’eccezione, Agnes Gerry candidata a Miss Mondo, a cavallo che, per l’occasione, ha indossato una giacca Lettieri ispirata al gioco del polo.

 

Grandi volumi per i soprabiti in alpaca, cashmere e astrakan. I tailleurs pantaloni palazzo in doppio petto dalla linea maschile, realizzati in collaborazione con il Maestro Luigi Dal Cuore, sono in morbido cashmere spigato grigio e di mikado rosso fiamma. L’abito con volants in soffice organza, quello in mikado rosso, ricamato da piccolissimi cristalli neri e quello in prezioso pizzo nero, ricordano le linee morbide ed eleganti che il grande maestro Paul Poiret introdusse agli inizi del ‘900, rivalutando la bellezza naturale del corpo femminile e liberandolo dalle costrizioni dei corsetti e dei busti.

 

In piena sintonia con la collezione, la Sposa della Maison Lettieri dalle linee decisamente anni 30  ha sfilato in chiusura, valorizzata da grandi rose di velluto dévoré e lurex ricamate su georgette con candide piume di struzzo.
Raffaele Squillace, make up artist e Francesca Beneduce, hair stylist, hanno creato per la donna Lettieri un look che ricorda l’arte fotografica di Helmut Newton, portando in passerella una donna sexy anche se androgina. Forte, dalla bellezza insolita e attenta al dettaglio come era solito fare il grande artista nelle sue foto d’arte.

 

Le calzature, realizzate da Luigi Lovino, erano in raso di seta con zeppa. I gioielli, perle e diamanti, sono stati ideati e realizzati da Marianna Afeltra.
L’evento moda ha riscosso grande successo grazie anche alla splendida cornice dell’X POLO FASHION DAY”, appuntamento organizzato da Patrizia Skaf, Direttrice della rivista X.Luxury.Excellence.Excess, promosso dall’Ambasciata del Brasile e con il patrocinio di Alta Roma.
La giornata si è conclusa con un’amichevole competizione agonistica. Al galoppo si sono affrontati in un inedito incontro di Polo due squadre: quella brasiliana e quella italiana capitanata da Salvatore Ferragamo.

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro