Ci piace farlo “all’aperto”

Scritto da
/ / 7 Comments

© Riproduzione riservata

sesso allaperto 150x150 Ci piace farlo allaperto Sesso en plein air, è l’estate che ce lo chiede. La Calabrisella apprezza le campagne di Badolato dove amoreggiare in mezzo a gechi ed arbusti; Vanity approfitta di una mattina a Villa Pamphilj per praticare il suo “sport” preferito e Mad Man se ne va a Sperlonga, tra i vicoletti può succedere di tutto…

 

 

di Calabrisella Mon Amour


Se c’è qualcosa di buono che Badolato offre sono le campagne isolate dove si può amoreggiare senza essere disturbati. Non è l’unico modo in cui mi piace fare sesso, per carità, però così si creano situazioni piccanti e trasgressive difficili da ricreare. Il mio ultimo rapporto “en plein air” è stato indimenticabile. A un aperitivo sulla spiaggia ho conosciuto un ragazzo fighissimo, di quelli curati e palestrati per intenderci, e a prima vista anche ben messo. È andato subito al sodo, dopo due drink mi ha portato a fare un giro in macchina e sono rimasta molto soddisfatta dal contenuto dei suoi boxer, esibito in mezzo ai cespugli di una campagna. Il rapporto non è durato tantissimo, una quindicina di minuti, ma è stato talmente forte che non lo dimenticherò mai (almeno fino al prossimo…). Senza preliminari, mi ha penetrato subito, punta i piedi sul ceppo di un tronco tagliato per spingere meglio e in due minuti raggiungo l’orgasmo. Certo, non è il massimo della comodità stare lì per terra fra i rovi con le gambe aperte, ma chi se ne frega: il piacere supera ogni sofferenza. Avevo solo paura di avere un incontro ravvicinato con qualche geco o animalaccio del genere. E invece l’incontro è stato solo con il suo grosso fallo…

di Mad Man

L’aria condizionata è forse la più grande invenzione della storia. Ma crea un ambiente rarefatto, artificiale, asettico. Nulla a che vedere con l’aria aperta che, soprattutto quando è frizzante, stimola tutti i sensi. E così, una passeggiata tra i vicoli può diventare un’occasione erotica, perché i sensi sono inebriati dall’aria, magari dall’alcol, di sicuro dall’odore della persona che hai vicino. Come quella sera… L’aria era calda, quasi un anticipo d’estate e le giornate non ancora lunghe. I vicoli di Sperlonga, non invasi dai turisti, si prestano a passeggiate romantiche e solitarie. Lei aveva una gonna svolazzante, al vento. Appoggiata con i palmi delle mani al muro l’ho presa da dietro, mentre le mordicchio il collo. Ha gradito molto, troppo, al punto da gemere così forte che nel silenzio di Sperlonga il gemito sembrava un urlo. Troppo forte per la tranquilla quiete di un paese che vive 2 mesi l’anno: una signora si è affacciata dalla finestra urlandoci parolacce. Siamo andati via correndo, finché, scendendo di vicolo in vicolo, non siamo arrivati sulla spiaggia deserta. E lì abbiamo ricominciato.

di Vanity Lady

Conoscevo Pietro già da qualche settimana. Ci siamo incontrati in uno sporting club dell’Eur. Lui è un appassionato di jogging; io corro solo appresso agli autobus, ma per fare la figa mi sono proposta di accompagnarlo a Villa Pamphili a correre. Sapevo che sarebbe successo qualcosa di più divertente, una paccata in qualche radura verde del parco, per esempio. Villa Pamphili è il più grande polmone di Roma, vuoi che non ci sia un posto isolato fare sesso in tranquillità? Lui mi è sembrato parecchio pratico della zona (evidentemente viene spesso a fare “jogging” con le ragazze); mi ha portato subito in un boschetto appartato vicino un piccolo lago. Io spruzzavo feromoni da tutti i pori, lui aveva gli ormoni a mille. Mi ha subito abbassato gli shorts, io ho infilato tutte e due le mani dentro i suoi boxer: medio dotato. Ogni tanto si sentivano delle voci, venghino signori venghino! Più siamo e più ci divertiamo…

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 11 agosto 2012

    Sandra

    Un letto no? Viva le stranezze…

    • 11 agosto 2012

      Syria

      Io non la trovo affatto una stranezza…

    • 11 agosto 2012

      Alessia

      Ahahah, concordo xD

      • 11 agosto 2012

        Sandra

        Sarà…

  2. 12 agosto 2012

    Alex

    Il top e’ in piscina sotto le stelle..un ottimo modo per combattere il caldo tra le altre cose! ;-)

    • 12 agosto 2012

      simonetta

      si, ma devi avere la piscina, il che presuppone un bel conto in banca e a questo punto puoi farlo proprio dove vuoi :)

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

  1. Ci piace farlo “all’aperto” | RomaOra08-10-12
Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro