“Contro la crisi faccio lo gigolò ai fornelli”

Scritto da
/ / 4 Comments

© Riproduzione riservata

pascal Contro la crisi faccio lo gigolò ai fornelli

Pascal Gigolò

Si chiama Pascal, fa lo gigolò da due anni.

E, per resistere alla crisi, si è inventato chef. “Nell’ultimo anno ho avuto un calo di richieste – mi dice con i suoi occhioni neri – vuoi la crisi, vuoi che questo ambiente è pieno di concorrenza, e poi le donne hanno sempre bisogno di nuovi stimoli”. Eccole accontentate. Chi di noi non si accende all’idea di un uomo ai fornelli? E così, il nostro gigolò romano ha pensato bene di unire sesso e cibo, ha preso qualche lezione di cucina e adesso prepara deliziosi manicaretti per le sue clienti. Con spettacolo incluso, ci mancherebbe…

Leggi anche: Reportage: Arrivano le “stanze dell’amore”

FORNELLI 150x150 Contro la crisi faccio lo gigolò ai fornelli“Mi ispiro molto alla mia preparazione teatrale quando cucino, i miei movimenti non sono quelli tipici della casalinga ma del pittore estroverso che sta dipingendo un’opera d’arte” e che opera… Il menù? Si adatta alle esigenze delle signore. “Cerco sempre di sapere in anticipo i gusti della mia cliente”. La preparazione è la parte più divertente oltre che eccitante per le donne . Me lo conferma la sessuologa Chiara Simonelli: ”Alle donne piace essere accudite; cucinare per loro le fa sentite coccolate e le solleva da un compito quotidiano. Non dimentichiamoci che, anche quando paga, una donna non cerca solo sesso ma tutto un contorno di attenzioni”.

Il piacere a tavola

gigolo 150x150 Contro la crisi faccio lo gigolò ai fornelliQuello che accade durante la cena dipende dalla  donna: se ha una vena romantica, non è detto che la serata sfoci nel sesso. Un bel dialogo e un sano sfogo possono dare senso ai soldi spesi (cosa non siamo disposte a pagare per avere qualcuno che ci ascolti). Se, invece, il suo interesse è di tipo sessuale, la serata si svolge in chiave erotica. “Mi ritrovo spesso nudo mentre servo le portate” continua Pascal. Durante la cena sono previsti giochi erotici con il cibo, sguardi accattivanti e sexy, spogliarelli sulla sedia. E la degna conclusione è in camera da letto.

Costi della cena/spettacolo

I costi variano a seconda della disponibilità economica della cliente: i gigolò, a differenza delle colleghe escort, non hanno un tariffario fisso. Si va dai 500 agli 800 euro per la cena e si finisce fino ai 1000 – 1200 euro per cena e dopocena. La prestazione più bizzarra? “Una donna ha rifiutato di mangiare, mi ha insultato dicendo che le avevo preparato una cena disgustosa ed ha ordinato la pizza. Dopo essere andati a letto insieme mi ha detto che bluffava e che era stato tutto uno stratagemma per eccitarsi: a lei piaceva maltrattare gli uomini”. Per 1200 euro io ci avrei visto anche una frustatina…

Sabina Cuccaro

 

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 11 gennaio 2013

    sergio

    non male come idea, non ho la tartaruga ma ai fornelli sono un genio, può andar bene?

  2. 11 gennaio 2013

    sabina

    In tempo di crisi va tutto bene, però la tartaruga è la tartaruga…

  3. 14 gennaio 2013

    francesco

    io trovo che sia una cosa un po’ squallida, dovete pagare anche per farvi cucinare da un uomo?

  4. 14 gennaio 2013

    vanessa

    noi paghiamo per farci cucinare a casa, voi pagate sulla salaria, vogliamo parlare di squallore??

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro