E tu, l’hai trovato il punto G?

Scritto da
/ / 2 Comments

© Riproduzione riservata

2 400x250 E tu, lhai trovato il punto G? Dibattuto dagli studiosi, discusso dagli uomini (che non riescono a trovarlo), ambito dalle donne. È grande come una nocciola o un’oliva ma se stimolato bene, garantisce brividi e scariche elettriche. Sto parlando, ovviamente, del punto g, terra promessa di tutte noi donne. Ma, come tutti i paradisi promessi, richiede un lungo cammino per arrivarci (in tutti e due i sensi). Ad aiutarci nella ricerca, però, ci sono fior fiori di guide pseudoscientifiche e manuali casarecci.

{ Le migliori posizioni sembrano essere

quella dell’amazzone (con variante angolo retto), il salice piangente e il missionario.

Ma, a volte, non bastano… }

Leggi anche Le posizioni del Kamasutra per il punto G

Mi telefona disperata la mia amica Romina, urge aperitivo. Ci vediamo da Settembrini: “Io e Massimo ci abbiamo provato per una settimana” mi dice mentre il cameriere prende l’ordinazione. “Due martini rosé” cerco di toglierlo dall’imbarazzo. “Candele allo zenzero, alla cannella, alla vaniglia; musica lounge di sottofondo. Lenzuola di seta. Niente! Io lo aspettavo sdraiata; lui bussava ed entrava vestito da Indiana Jones, alla ricerca… del mio orgasmo. Siamo stati ore: ‘E’ più giù, no più su. Eccolo. No, quello è il clitoride, scemo!’ Alla fine ci siamo arresi”. Arrivano i martini. “Sono frigida?” mi chiede per la gioia del cameriere. “Ma certo che no!” mento sapendo di mentire. “Non farti queste paranoie, magari neanche esiste, secondo molti sessuologi è un’invenzione”.

 E tu, lhai trovato il punto G?

Romina è tranquillizzata dalla mia bugia; io, prima di tornare a casa, faccio un salto da Al. Devo verificare se il punto G esiste. Dopo due ore di ricerche approfondite sull’argomento, anche io mi sono tranquillizzata: il punto G esiste, eccome.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK, METTI IL TUO MI PIACE SU SEX AND ROME

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 12 marzo 2014

    Pino

    Ciao Sabina, esiste e come il punto G.. ma non è sempre rintracciabile, vuoi per le contazioni di piacere, vuoi per poca dimestichezza dell’uomo, vuoi per fretta mai consigliata. Troppo piccolo per trovarlo senza approfondimenti preliminari, visto che la sua misura non più grande di 2centimetri, ma quando si trova uno spasmo intenso, schiena inarcata, vagina gocciolante, urla di piacere, aumento del ritmo fino a far male.. ma un male sprizzante di piaceri e torsioni del corpo da indemoniata.. Si posso affermarlo con certezza personale.. Baci Pino

  2. 13 marzo 2014

    paolo

    Ciao Pino. A volte non dipende dall’uomo ma dalla donna. E’ vero, il punto G esiste, ma non tutte le donne ce l’hanno. E’ come lo squirting, alcune possono, altre no. E non è una questione psicologica, per quanto questa possa influire molto sulla questione, ma si tratta proprio di una questione fisiologica

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro