Esclusiva, Cubista si confessa: “Se non fai sesso non lavori”

Scritto da
/ / 6 Comments

© Riproduzione riservata

ragazze immagini al pacha 400x267 Esclusiva, Cubista si confessa: Se non fai sesso non lavori“Mi chiamo Alessia, ho 24 anni e vengo dal Venezuela. Mi sono trasferita in Italia due anni fa con un sogno nel cassetto: lavorare nel mondo della moda come regista di sfilate. Ho trovato altroDopo un master in comunicazione e curriculum mandati a vuoto, ho iniziato subito a pensare come guadagnare soldi facili, usando anche il mio corpo. Mi sono iscritta a concorsi di bellezza, ho lavorato come hostess per importanti convegni: con 4-5 ore di lavoro posso guadagnare anche 100 euro e viaggiare con vitto e alloggio gratis. Poi, sono diventata una cubista. E qui ho scoperto un mondo che non mi piace e che non ho intenzione di frequentare più, almeno in Italia.

Leggi anche: Esclusiva: “Cerco una padrona che mi maltratti”. Schiava si confessa a ‘Sex and Rome’.

Parlo del lavoro nelle discoteche e nei night che molte ragazze come me, tra i 18 e i 35 anni, soprattutto straniere, fanno per guadagnare facilmente o per mantenersi in Italia. Le cubiste devono vestirsi iper-sexy, fare le carine con i clienti, sorridere, flirtare e sopportare anche molti di questi che allungano le mani.

SESSO FUORI DAL LOCALE. Ti pagano in nero: 150 euro per 4/5 ore di lavoro piùUpkPfA5XLjirdE1NSw3zRMcp0z66DrvPsqeSoMQeABk  Esclusiva, Cubista si confessa: Se non fai sesso non lavori il 5-10% su ogni bottiglia di spumante o champagne che il cliente ordina: devono spendere il più possibile. Ti ordinano di essere sempre “disponibile” con i clienti. I peggiori sono gli imprenditori e i politici di serie B, tra i 40 e i 65 anni. Champagne, mani allungate, la solita frase che fa da sfondo alla musica del locale: “Io ho…” e qui cominciano ad elencare le proprietà e i poteri di cui dispongono per portarsi a letto una di queste ragazze. Riuscendoci. Molte passano la notte con loro, ma solo fuori dalla discoteca: una regola dell’ambiente è quella di non scopare nei locali dove si lavora per non fare ingelosire gli altri clienti. Mani su tette e culi sì, il resto fuori. Ricompensa in soldi? No, quasi mai. Questi imprenditori o politici “innamorati”, quando decidono di trascorrere una serata in discoteca, mettono nel cruscotto dell’auto non solo preservativi, ma anche un bracciale, una collana e raramente un anello. E quando dimenticano di portarsi dietro un gioiello, lo fanno recapitare a casa della ragazza.

I COLLOQUI PER CUBISTA. Tutto questo comincia già quando le persone dello staff vengono a prenderci in albergo. Ci provano quasi sempre, facendo scivolare le mani sulle gambe o lungo la schiena, sussurrando apprezzamenti del tipo: “Sei così carina”, “Ma che fata…” e a volte ci fanno cambiare vestito se non è sexy, corto o scollato come vogliono loro. Si inizia già dai “piani alti”: la maggior parte dei datori di lavoro quando incontrano le aspiranti ragazze immagine a colloquio (sempre da sole), fanno puntualmente battutine e le frasi a doppio senso non si contano.

Forse già sentono, nel loro cuore, di essersi innamorati… almeno fino alla prossima ragazza immagine.

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 10 settembre 2012

    Alberto

    Wowwwwwww…….. E io che vado a letto dopo Carosello….. :((

  2. 10 settembre 2012

    Sabina

    Ehhhhehhh visto che ti perdi?

  3. 10 settembre 2012

    Joe

    Beh, questo vittimismo non lo comprendo…si può guadagnare qualcosa anche lavorando come baby sitter o come cameriera. E’ che a loro piace vestirsi così, ballare così e flirtare. Penso sia evidente!

    • 10 settembre 2012

      Bice

      Facile parlare quando non ci si trova in certe ‘situazioni’… io credo che siano ragazze come tutte: un abitino corto e qualche moina in più non le rende nè vittime nè carnefici. che ipocrisia.

      • 10 settembre 2012

        davide

        Non si tratta di ipocrisia, è lei stessa a dire di cercare un modo per guadagnare facilmente, poi non si lamentasse dell’ambiente dove LEI ha scelto di lavorare

        • 16 ottobre 2013

          Fiorenza

          Certo, ma riflettiamo anche su cosa l’ha spinta a cercare soldi facili. Veniva dall’altro capo del mondo, aveva tante speranze e in maniera onesta nessuno l’ha presa in considerazione. Sta solo denunciando un fatto!

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro