Gay Village, borchie e frustini, ecco alla prima serata

Scritto da
/ / Lascia un commento

© Riproduzione riservata

Gabriella Sassone

sigla 768x400 400x208 Gay Village, borchie e frustini, ecco alla prima serataQuando arriva l’estate siamo tutti un po’ più “gayi”. Ma sì, un po’ più froci, più scanzonati, più leggeri e vogliosi di divertimento. Questo spiega il successo del Gay Village, che ha riaperto i battenti con una seratona dove oltre 5mila anime (perse) si sono radunate per dimenarsi sotto il palco, mettersi in mostra nelle loro mise più strappone e sconvolgenti, e nelle varie discoteche dell’immenso spazio all’Eur, i 15mila mq. del Parco del Ninfeo. Anche perché, diciamoci la verità, al Gay Village con il suo popolo colorato, la musica a palla e l’allegria contagiosa cadono tutte le barriere (sociali, culturali, sessuali) e tutti si sentono Vip, trattati alla stessa maniera, un flash si rimedia per tutti, l’attrice, la showgirl, la parrucchiera, il personal trainer, il pischelletto di Torbellamonaca e la lesbichetta tatuata del Laurentino P38. Così non mancava nessuno al Villaggio gaio, a vedere la sfilata di svippati sul palco, chiamati via via dalla neo direttrice artistica Vladimir Luxuria, che torna al passato dopo i successi tv, visto che i suoi primi passi verso la notorietà li aveva mossi animando le notti stracult di Muccassassina.

Leggi anche: Hai mai provato un’esperienza lesbo?

A far gli onori di casa con lei, Anna Chiara Marignoli e la sempre più battagliera Imma karma grimaldi 248359 tn Gay Village, borchie e frustini, ecco alla prima serataBattaglia, neo consigliere comunale per Sel, che ha presentato per la prima volta i suoi genitori e i nipotini. Per dimostrare che il Gay Village è una grande famiglia che accoglie tutti. Imma, senza peli sulla lingua come sempre, dopo il forfait del nuovo Sindaco Ignazio Marino al recente Gay Pride aveva sparato: “Speriamo che non venga all’inaugurazione del Gay Village”, per poi smentire la dichiarazione in serata: “Sono stata fraintesa, se Marino viene per me è un onore”. Fatto sta che il Sindaco non si è visto. In altre faccende affaccendato. E la scena è stata tutta per Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, accolto con tutti gli onori. Lui al Gay Village è di casa: due estati fa era stato anche premiato con il Gay Village Awards (che sarà consegnato quest’anno il 3 agosto). Nel Libero Stato del Gay Village, come recita lo slogan scelto “Abbiamo confini, non limiti”, c’è posto per tutti, dicevamo. Per Anna Falchi, scortata dal fratello Sauro, per Federico Zampaglione (salito sul palco per cantare due canzoni e pubblicizzare il suo film horror-splatter “Tulpa”), per Fabio Canino, per il regista Matteo Garrone che ha supervisionato la sigla d’apertura del Villaggio. C’è posto persino per CiccioBaffo Maurizio Costanzo che manda i suoi saluti con un videomessaggio. Tutti loro sono stati ricompensati per la loro presenza con un attestato che li rende cittadini onorari del Libero Stato del Gay Village (nonché dotati di tessera Vip per entrare indisturbati senza file e senza pagare). Il delirio strappone e godereccio ieri sera si viveva dentro e fuori il “divertimentificio gaio”.

Tutti i Vipziosi

kevine vocalist village 248367 tn Gay Village, borchie e frustini, ecco alla prima serata Orde di macchine parcheggiate ovunque, vigili in assetto di guerra pronti a multare chiunque (e sennò il Comune di Roma come ci guadagna?) e posteggiatori abusivi a gogò a rubacchiare euro ai polli della notte. Tanto che diverse persone, non riuscendo a parcheggiare, hanno desistito e hanno fatto dietro front. Ad entrare sono riusciti tranquillamente anche Aurelio Mancuso (presidente Equality Italia), il consigliere comunale Luigi Nieri, Andrea Santoro (presidente Municipio dell’Eur), il produttore della Bolero Film Leandro Pesci, pizzicati tra la folla dal nostro Luciano Di Bacco. Cartellino timbrato anche per Marco Carta, la bellissima Vittoria Schisano fresca di ritocco a naso e tette, Eva Grimaldi (in onda la stessa sera su Canale 5 con la fiction-tragedy “Pupetta Maresca”, Francesca Rettondini, Monica Scattini con Giuseppe Bambagini, Corinne Clery, Pino Strabioli, Pino Gagliardi, Nadia Rinaldi con Ivano, il suo giovane partner del programma tv “Jump” (tanto che molti hanno malignato di una love tra loro), Milly D’Abbraccio con la fidanzata Barbara, le immancabili Claudia Arcara e Mara Keplero più tanti altri nullafacenti e prezzemolini arrivati dal party di compleanno di Nadia Bengala (ne ha fatti 50 di anni la bella ex Miss) a Villetta Ruggeri. Poi la scena è stata tutta per la cantante Baby K, esibitasi in un mini concerto. Ad animare i privè il vulcanico Alfonso Stani. Nonostante Luxuria avesse promesso super Vip e mari e monti quest’anno, a detta di molti (Corriere della Sera in primis) il cartellone degli eventi stilato e presentato l’altra mattina appare un po’ deboluccio. Sarà colpa della crisi? 

Foto di Luciano di Bacco

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro