I nomignoli “vietati” a letto

Scritto da
/ / 3 Comments

© Riproduzione riservata

 

 

come fare sesso da urlo 300x236 I nomignoli vietati a lettoChiudi gli occhi per un secondo e pensa a come eravate quando vi siete incontrati, alle vostre prime volte. La vita sessuale era intensa e focosa. E adesso? La libido è andata a farsi un giro e non è più tornata. Pensandoci bene, ti viene voglia di guardare il tuo lui negli occhi e di chiedergli: “Tesoro, dove abbiamo sbagliato?”. Ecco, quello che avete sbagliato, tra le altre cose, è proprio chiamarvi “tesoro”.

I NOMI DA ABOLIRE. I nomignoli che noi usiamo, “caro,” “cucciolo”, “piccioncina”, “micia”, “amore”, “dolce”, eccetera, devono essere aboliti dal vocabolario di coppia, se vuoi sopravvivere alla noia e riaccendere un po’ di passione. Parola delle sessuologhe Julienne Davis e Maggie Arana, autrici del libro Stop Calling Him Honey . . . And Start Having Sex!”. Chiamare l’altra persona “orsacchiotto” o “cucciolo” attiva uno spostamento a livello del subconscio: il tuo lui perde immediatamente quell’attrazione che aveva all’inizio e tu non ti ritrovi più di fronte alla creatura sensuale che hai desiderato i primi tempi.

Leggi anche: Le 7 frasi da non dire a letto

PERCHE’ NO. “L’altro si trasforma in una persona asessuata, in una sorta di peluche da coccolare, con il1110777 quanto puoie resistere una donna senza sesso thumb big 300x187 I nomignoli vietati a letto quale guardare film e bere una tazza di cioccolata calda – dice la dottoressa Davis – ma di certo non ti fa venire voglia di farci sesso! Quando vai a letto con una persona per la prima volta, la desideri ardentemente –  continua – non lo chiameresti al telefono dicendogli: ‘Ciao topy, cosa vorresti fare più tardi?’ No, lo chiamerai e dirai: ‘Ciao Carlo, senti, cosa ti andrebbe di fare stasera?’”.

La sindrome “Compagno di stanza”

Ma c’è anche di peggio: secondo le autrici, i nomi da animale domestico e l’insidiosissimo “dialogo infantile”, sono sintomi di un problema più ampio: la cosiddetta sindrome da compagno di stanza. “All’apparenza, la sindrome da compagno di stanza può sembrare una discreta relazione: la coppia fa tutto insieme, frequenta gli stessi amici e condivide gli stessi pensieri ed interessi”. Abbiamo tutti quest’idea romantica alla Cenerentola: ‘Oh, incontrerò il mio Principe Azzurro e parleremo di tutto e staremo sempre insieme. Non litigheremo mai. Staremo sempre vicini’. Secondo la Davis si tratta di una cattiva organizzazione della coppia. ”Due persone che stanno insieme da anni, che insieme hanno fatto tutto, finiscono per annoiarsi a vicenda. Lo guardi e pensi: ‘E adesso? In pratica è come se parlassi da sola. Sto con l’altra metà di me stessa’.

Ma come si fa a sapere se la coppia è in pericolo?

Se non state facendo sesso da più di due mesi, è il caso di svegliarsi. Cambia rotta e prova a chiamarlo “Stallone”. Vedrai che risultati…

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 19 giugno 2013

    Marco

    Infatti se lei mi chiama \”cucciolo\” la libido va sotto i piedi! Orrore!

  2. 19 giugno 2013

    Serena

    Ogni tanto il nomignolo ci sta bene ma non troppo! Altrimenti sai che noia!

  3. 19 giugno 2013

    Valentina

    A letto meglio selvaggio e fuori dalle lenzuola teneroneee!

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro