Ibiza “coast to coast”

Scritto da
/ / 2 Comments

© Riproduzione riservata

Lei è a pancia in giù, sul telo che la divide dalla sabbia, adagia il suo braccio sul petto di lui, finge di leggere un libro di Tom Clancy in tedesco.

space ibiza 1 150x150 Ibiza coast to coastIn realtà si guarda intorno. Lei abbassa la mano e la carezza si avvicina al ventre, sorride. Lei è nuda, lui è nudo, hanno passato i quaranta ma il corpo di lei regge bene il confronto con il tempo. A una decina di metri c’è un’altra coppia – francesi -. Sono più avanti, lei sta già masturbando lui. Scambio di sguardi, tra le due coppie. A un’altra decina di metri c’è ancora un lui, ma da solo, forse spagnolo, che si concentra sulla francese, guarda e si eccita. Attorno, in un tardo pomeriggio qualsiasi, la vita sulla spiaggia prosegue normalmente: più vicino al mare c’è chi passeggia e forse se ne sta tornando all’auto a noleggio e finge di non guardare cosa sta succedendo. Poche centinaia di metri prima, vicino al Chiringuito, sempre meno selvaggio e sempre più fighetto con divani sfarzosi, si inseguono i mojito, ragazze con il corpo da modella, ma anche famiglie del nord Europa che si godono l’ultimo scampolo d’estate di Ibiza…

 

ibiza 41 150x150 Ibiza coast to coastUn paio di chilometri dopo, superata l’area preferita dalle coppie, c’è la zona gay, ma quello è un altro mondo ancora. Cartoline da Playa Es Cavallet, Ibiza. Solo uno dei tanti ideali bookmarks di una ipotetica google map del sesso sull’isola colonizzata. Anche ora mentre state leggendo questo articolo, da decine di migliaia di italiani, con buona rappresentanza di romani. I voli low cost, negli anni, hanno preso il posto dei charter e da Ciampino e Fiumicino raramente viaggiano vuoti. Se siete maschietti e già all’aeroporto avete preso un’auto a nolo (ma è meglio lo scooter) dopo neppure un chilometro avete rischiato la prima distrazione, con quell’insegna in una zona apparentemente industriale che dice che lì c’è il Pure Platinum. Uno dei locali hot dell’isola, dove il maschietto va, trova una piscina, dei pali per la lap dance per belle e “care” ragazze, con la classica burocrazia del sesso a pagamento: chiacchierata, lui che offre da bere (primo attentato al portafogli) e poi può anche scegliere di salire in una camera pagando ciò che c’è da pagare da che mondo è mondo. Locali come il Pure Platinum non ibiza 9 150x150 Ibiza coast to coastc’entrano nulla con le discoteche (le famose sette sorelle, dal Pacha all’Amnesia fino alla nuova entrata Ushuaia) e il clubbing, ma capita che i due percorsi s’incrocino. Porto d’Ibiza, dove tra migliaia di giovani (ma non solo giovani) sparsi tra bar e pub, verso le 23 cominciano le sfilate dei gruppi che pubblicizzano le varie feste delle discoteche.

In una sorta di mini carnevale di Rio, annunciati magari da un cartello, arrivano decine di ragazze da infarto e ragazzi tipo Abercrombie, che invitano a trascorrere la notte all’Amnesia come allo Space. Bene, a volte c’è una “banda” un po’ meno vestita delle altre: è quella delle ragazze dei locali come il Pure Platinum. Giovani e non giovani, si diceva: ecco un luogo comune da sfatare, non è vero che a Ibiza vadano solo pischelli es space ibiza terrace 150x150 Ibiza coast to coastallupati in cerca di pasticche. Al contrario se c’è un luogo dove vige la mescolanza di generazioni è a Ibiza: certo, non in tutte le discoteche ma provate a buttare un occhio al privé della discoteca più elegante, il Pacha, e vedrete personaggi al cui confronto Lele Mora ed Emilio Fede sono due ginnasiali. A proposito, se sei una ragazza e non cerchi semplicemente l’avventura – per quella è sufficiente stendersi a prendere il sole a playa d’En Bossa, fare la figa in uno dei Ciringuito di playa las Salinas o tuffarsi nella mischia di qualche festa di una qualsiasi discoteca – ma vorresti un calciatore danaroso o un superfiglio di papà (in fondo che c’è di male) che devi fare? L’ideale sarebbe farsi invitare in qualche villona con festa privata e piscina, ma va bene frequentare anche i luoghi con potenziale: colazione al porto marittimo, ad esempio al Sydney, cena al Km5, ristorante-lounge supercool con chef argentino, musica carezzevole per il dopo cena, bella gente, modelle e fustoni, ma anche signorotti con i capitali nei posti giusti.

Per tutti gli altri, per chi si accontenta di una normale avventura estiva, dopo avere evitato San Antonio (località dall’altra parte dell’isola, il volto più low cost, ibiza 101 150x150 Ibiza coast to coastsdrucito di Ibiza, piena di giovani inglesi e tedeschi non esattamente sobri, ci si va solo per assistere al caramelloso ma gradevole tramonto dal Cafe del Mar o dal Cafe Mambo accompagnati da musica chill-out che intontisce almeno quanto il mojito che terrete in mano), basta uno sguardo per strada o in spiaggia, o un cocktail in più in discoteca, tenendo anche conto che la pratica del dance and touch comune in ogni pista, a Ibiza sale di livello, anche senza dovere andare per forza allo spuma party dell’Amnesia.

Se avete più di trent’anni andate pure a vedere, però evitate di buttarvi in mezzo alla schiuma, c’è un limite a tutto…

Manuel Kappa

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 24 agosto 2012

    Valentina

    Sono stata ad Ibiza e ci ho visto solo ‘pischelli’ invasati che prendono un aereo e partono per una vacanza solo per dare un po’ di movimento alla loro vita noiosa e non così trasgressiva a casa di mamma e papà. La mescolanza di generazioni è l’ultima cosa che ho notato in questa babele di schiuma, pasticche e mojito.

    • 24 agosto 2012

      amedeo

      Io ho 40 anni, non sono un mammone e a roma ho una vita sociale intensa, ma Ibiza è Ibiza.

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro