” Io e la festa dei maiali della regione Lazio”

Scritto da
/ / 6 Comments

© Riproduzione riservata

maili 150x150  Io e la festa dei maiali della regione Lazio

La presidente Polverini all'Olympus party

Al party Olympus di Carlo De Romanis (quello dei maiali, per intenderci) non ci sono potuto andare. Quel giorno ero all’estero per lavoro, ma se fossi stato a Roma ci sarei andato volentieri. E mi sarei vestito da romano…

Era una festa privata, eppure De Romanis è stato crocifisso e le foto sono diventate il simbolo di dissolutezza della giunta regionale del Lazio e dell’intera classe politica. Io, invece, lo difendo. E’ stata una festa sopra le righe, con punte di eccesso: ragazzi con una maschera da maiale sul volto e la vodka servita in anfore. Magari qualcuno avrà esagerato, qualche ragazza sarà stata un po’ più “scollacciata”,
maiali 2 150x150  Io e la festa dei maiali della regione Lazio

qualche ragazzo offuscato dall’alcol sarà andato oltre con le avances e gli atteggiamenti equivoci, ma non c’è stata nessuna scena da “Caligola” di Tinto Brass.

Probabilmente il consigliere si è fatto prendere la mano nel festeggiare l’elezione in Regione, ma a quella festa c’era gran parte del suo elettorato che alle Europee gli ha dato 24 mila preferenze, un elettorato giovane che è stato aggregato anche con le feste (di questo tipo?). Hanno dipinto questi ritrovi come orgiastici: magari! Ho partecipato alle feste di De Romanis, sia a Bruxelles che a Roma, ma di orgiastico non c’è nulla, a parte alcol a fiumi, come in ogni festa. La verità è che lo schifo della gestione dei soldi pubblici della Regione Lazio (e prima di Lusi, tesoriere della Margherita), hanno reso tutti più bacchettoni, più moralisti. L’errore di fondo è leggere con gli occhi di oggi una situazione di 2 anni fa, quando la sensibilità era diversa; credo che oggi De Romanis quella festa non l’avrebbe organizzata.

D’accordo la crisi, d’accordo la necessità di “misura” secondo lo stile del premier Mario Monti, ma almeno lasciateci fare le feste: togliere la voglia di divertirsi porta all’oscurantismo.

 Nello Manga 

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 28 settembre 2012

    Alberto

    per me devono andare a farsi fottere….tutti quanti i nostri politicati di m…

    • 28 settembre 2012

      Sabina

      E CHE NE PENSI DELLA FESTA?

      • 28 settembre 2012

        Alberto

        preferisco altre feste, più sobrie… alla fine sono feste di e per esibizionisti.
        poi le maschere a cosa servono…basta Carnevale e in aggiunta abbiamo preso la festa americana per eccellenza

  2. 28 settembre 2012

    sandra

    se pagata non con soldi dei contribuenti della regione..chi se ne frega, ognuno fa quello che vuole! al contrario, avrei “qualche” riserva!!!

  3. 28 settembre 2012

    Sebastiano

    probabilmente chi difende queste cose è uno di quei tanti ladruncoli del sottobosco romano che campa su amicizie, clientele, favori, clan familiari che hanno incancrenito l’Italia

    • 28 settembre 2012

      Nello Manga

      @Sebastiano, temo di doverti deludere. Chi difende questa festa è semplicemente uno che, se capita, va alle feste senza doversene vergognare. E non se ne vergogna proprio perché non ha mai rubato e può andare in giro a testa alta.

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro