La boutique più trendy è su 3 ruote

Scritto da
/ / 3 Comments

© Riproduzione riservata

E gira gira l’ape Malandra

di Barney

ape 150x150 La boutique più trendy è su 3 ruoteMa hai visto ‘sto vestitino? Carino… che me lo fai provà?”. “E quest’altro? È un amoreee….”. Piazza Euclide, quartiere Parioli, domenica mattina. Il dialogo in questione avviene tra due eleganti signore del quartiere. Parioline doc. Hanno appena finito di prendere caffè e cornetto al bar Euclide. E ora sono alle prese con i vestitini, abiti e copricostume dell’Ape Malandra. Come, non sapete cos’è? Ma allora, scusate, siete proprio out.

L’Ape Malandra è il primo progetto di moving shop italiano. Ovvero di negozio su due ruote, pardon, su tre. Un’ape Piaggio che si trasforma in piccola elegante boutique, con tenda ape 2 150x150 La boutique più trendy è su 3 ruotea strisce bianca e rossa, che propone vestiti di un certo livello per le donne della capitale. Arriva un po’ come l’arrotino, che forse è stato il primissimo negozio su strada: donne, è arrivato l’arrotino! L’Ape Malandra non ha il megafono, ma appena arriva le signore corrono come api sul miele. I prodotti, del resto, sono di qualità (e siccome la qualità si paga, i prezzi non sono economici). A bordo, sempre due donne: una guida e l’altra vende. E c’è anche un camerino, una sorta di hula hop con tessuto coprente, per provare la merce.

L’idea nasce dall’imprenditrice milanese Valeria Ferlini. Ex modella laureata in filosofia, diventa stilista e ha un’idea brillante: far realizzare i suoi disegni dalle donne in carcere, a San Vittore, e venderli per strada. Ora i capi non sono più realizzati in carcere, ma in un laboratorio sartoriale in Porta Romana, dalle ex detenute che,ape 3 150x150 La boutique più trendy è su 3 ruote nel frattempo, sono tornate in libertà. Grazie a un accordo con la Piaggio, Valeria riesce ad avere una flotta di cinquanta Api che dal 2005 viaggiano in lungo e in largo tra le città italiane. Prima i posti più chic: Cortina, Portofino, Forte dei Marmi. Poi le città: Milano, Firenze, Roma, Napoli. Nei luoghi strategici, per intercettare le clienti più facoltose. Così, se la domenica potete incrociare l’Ape Malandra (che in portoghese vuol dire “vagabonda”) in piazza Euclide o in piazza Mazzini, in Prati, a Milano la troverete davanti alla pasticceria Sissi, vicino piazza Tricolore, oppure in via Moscova, nel cuore di Brera. Parte del ricavato, naturalmente, va in solidarietà: alla ricerca sul cancro e a sostegno delle donne detenute. Insomma, se acquistate un maglioncino in cachemire o un copricostume di lino a prezzi da gioielleria, non sentitevi in colpa: avete fatto una buona azione.

 

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 18 luglio 2012

    Carola

    Proprio ieri ho visto l’Ape Malandra nei pressi di Piazza Fiume. C’era in bella mostra un vestito fucsia e arancione in stile anni Sessanta, quindi a chi piace quel genere è avvertito. Non aspettatevi però i prezzi delle bancarelle, perché i capi sono di ottima qualità e hanno quindi il costo di quelli venduti in un negozio normale.

  2. 18 luglio 2012

    Ely

    Sì, sono molto carini, io ci sono andata, amo i vestiti colorati!

  3. 19 luglio 2012

    daniel

    sì l’ho vista pure io. la mia ragazza ci ha passato un’ora a provarsi vestiti!

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro