Ma l’amore… ha “da puzzare”?

Scritto da
/ / Lascia un commento

© Riproduzione riservata

lelo2 Ma lamore... ha da puzzare?Il sesso è emancipazione. Su questo non ci piove. Ancora ho difficoltà a capire perché le femministe si facevano crescere i peli sotto le ascelle e bruciavano i reggiseni nelle piazze. Anzi, non lo capisco proprio. Sentirsi belle (e depilate, di grazia) vuol dire sentirsi bene con se stesse. Parlare di sesso (e magari farlo) vuol dire essere libere.

Secondo me, l’eros è un po’ come la Livella di Totò: messi a nudo, siamo tutti sullo stesso piano, non ci sono distinzioni di classe.

∫ Gli strumenti del piacere, grazie a Dio, ce li dà madre natura, mica il conto in banca, e il povero può essere più dotato del ricco (anzi, spesso è proprio così, chissà come mai) ∫

Ma anche nel mondo dell’eros, c’è una scala gerarchica. C’è chi può farlo di lusso e chi si deve arrangiare. Chi usa sex toys di fortuna (potrebbero anche essere i migliori) e chi si dà al lusso erotico. Per merito – o colpa – di “Sex and Rome”, io sono venuta in contatto con un mondo sterminato di oggetti peccaminosi che la mia più fervida fantasia non avrebbe mai immaginato; faccio un nome per tutti: l’altalena erotica. Un altalena vera e propria che ti fa ciondolare nell’aria con il tuo lui davanti pronto ad “accoglierti”. Un po’ estrema per i miei gusti, la lascio a Kinky Key. Io mi sento più modaiola anche nel sesso: così come non resisto davanti all’ultimo modello della Candy Bag (ma l’avete visto?), ho difficoltà a non cedere di fronte all’ovetto vibrante ultima generazione. Quello della Lelo. Per chi non lo sapesse, Lelo fa dei sexy toys che neanche i gioielli di Bulgari. Per sentirmi meno in colpa (e meno rintracciabile), ho usato la post pay.

Leggi anche: Come usare l’ovetto vibrante: “Hai mai provato a una cena?”

E mi è arrivato a casa Lyla, un gioiellino incartato in una confezione regalo degna di Tiffany. Nastrini, spillette e tutte quelle chiccherie che ti fanno sembrare meno peccaminoso quello che stai per fare. Quando l’ho fatto vedere alle mie amiche, qualcuna mi ha contestato il lusso eccessivo, il glam e le istruzioni patinate. Secondo loro, un sex toys deve essere rude, della serie “l’omo ha da puzzare, il vibratore ha da esse ruspante”. Suona un po’ come le femministe: il sesso è sporco. Sarà, ma io ci metterei una punta di glam anche se lo facessi in mezzo alle pecore.

Perché, tu no?

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro