“Noi prostitute? Siamo quelle che amano gli uomini”

Scritto da
/ / 32 Comments

© Riproduzione riservata

Vuoi diventare una prostituta? Cerca di esserlo il meno possibile.

ESCORT5 150x150 Noi prostitute? Siamo quelle che amano gli uominiFuori, all’esterno nessuno deve sospettarlo. Dimentica di indossare tacchi in maniera compulsiva tutto il giorno e se puoi indossa sempre converse, possibilmente rosa…


 Sono diventata una prostituta perché la mia vita, economicamente parlando, era parecchio mediocre. Ho sempre lavorato, da ESCORT 3 150x150 Noi prostitute? Siamo quelle che amano gli uominiquando ho finito le superiori: commessa, cameriera, poi ho aperto un’attività con il mio fidanzato. Ad un certo punto mi sono ritrovata single dopo sei anni di convivenza, nemmeno un soldo in tasca (perché se non ti sposi il mantenimento e la casa al mare non ti spettano) e con la voglia di innamorarmi ancora. Ad innamorarmi ci sono riuscita ed anche a diventare una squillo, una puttana, una prostituta, una escort. Mi fanno ridere questi termini, nulla in me è cambiato, la sola cosa che faccio di diverso è fare sesso a pagamento con uomini dai 45 anni in su, possibilmente di un livello sociale medio alto, sposati, annoiati e che possono permettersi una o due ore con me.

Siamo tutti in rete, on line, in questa vita virtuale io e i clienti. La domanda e l’offerta si incontrano e contrattano tempi e luoghi. Ci scambiamo e-mail e scendiamo a un compromesso. Se ti va bene, anzi di lusso, ti capita il tipo che io definisco il “NON puttaniere seriale” che si affeziona e ti campa letteralmente, diventando un cliente fisso. Regalini e cioccolata, vino rosso e cene occhi negli occhi. E tu fai finta che per te è speciale anche se il tuo cuore appartiene ad un altro uomo diariodiunasquilloperbene 150x150 Noi prostitute? Siamo quelle che amano gli uominiche nel frattempo si è fidanzato con un’ altra. Quante volte mi è capitato. Io però, per un secondo o forse per molto più tempo li ho resi davvero speciali i miei clienti, forse perché ci credevo.

Loro ti pagano perché tu li faccia sentire diversi, mica perché si sta solo in posizione orizzontale. Dopo il sesso si parla. Ci si scambiano aneddoti di vita e ci sembra che la situazione sia abbastanza normale anche se ci siamo conosciuti su un sito di incontri per adulti. Ci creiamo un’illusione che giustifica le nostre azioni, per sentirci meno in colpa; loro, con le mogli a casa che dormono e le figlie che vogliono il viaggio a Londra per il compleanno; io con mia madre che mi chiede come va il lavoro di segretaria che mi sono inventata.

Insomma, inizi questo lavoro che eri la bella addormentata nel bosco e ti svegli tutto insieme. Ti rendi conto che la tua vagina ha un potere e anche il tuo sorriso, che sei abbastanza carina da poter mettere da parte tanti soldi ma sai anche che non potrai farlo in eterno. Sono tre anni che faccio sesso a pagamento. A volte credo che di essere migliorata rispetto a prima, altre di essere diventata una deviata, ma non sessualmente parlando, bensì per i deliri di onnipotenza di cui a volte sono vittima a causa di questo lavoro. Per me entrare in albergo è un po’ come il red carpet delle star di Hollywood!

Continuo a cercare l’amore, ma è difficile avere relazioni con questo lavoro, si è costretti a dire così tante bugie che poi va a finire che ci credi pure tu che lavori in ufficio. Però noi puttane saremo sempre quelle che gli uomini li capiscono subito e in profondità, la superficie non la vediamo nemmeno. Perché quelle come noi hanno imparato ad ascoltarli questi uomini per amore e per denaro.

Quelle come noi quando amano, lo fanno per davvero. Almeno in quelle due ore.

 

Bella di Giorno

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 13 settembre 2012

    roberto

    Ha proprio ragione, le donne di oggi vanno di corsa pure per fare sesso: “amore ho 20 minuti di tempo tra il parrucchiere e la riunione di lavoro”, se vuoi farlo sbrigati!

    • 13 settembre 2012

      Nicole

      Ma che razza di discorsi fai? Credi che ‘minimizzare’ lo stress di una moglie/madre possa giustificare gli istinti del vostro basso ventre? Sono disgustata.

      • 13 settembre 2012

        dino

        credo che roberto intendesse dire che per essere “ascoltati” dobbiamo andare a puttane.

        • 13 settembre 2012

          Nicole

          Ah, scusatemi: non avevo catturato il vostro lato sentimentale! E ditemi… non sarebbe più efficace andare da uno psicologo ?

  2. 13 settembre 2012

    Alberto

    Amate gli uomini??? Abbassate i prezzi porca di quella tr…oia :))

  3. 13 settembre 2012

    belladigiorno

    I vizi hanno un prezzo caro Alberto. Se vuoi risparmiare, comunque, ci sono sempre le prostitute in strada.

    • 13 settembre 2012

      LadyperTe

      giusta risposta…se non va bene spendere 150 euro per un’ora di sfogo…per strada ne trovi a 20-30 per 10 minuti :)

      • 13 settembre 2012

        Federico

        Le puttane di strada sono schiave. E il tono di superiorità con cui ne parlate è sconfortante.
        Donne piene d’amore queste escort.. si capisce dai
        commenti.

          • 13 settembre 2012

            LadyperTe

            La mia era una battuta in risp a ció che aveva scritto Lorenzo ;)

      • 13 settembre 2012

        Max

        Ehi ciao lady… beh 150 euro per un’ora di sfogo le trovo più che giuste!!! Dimmi dove eh eh :-)

        • 13 settembre 2012

          LadyperTe

          Roma

          • 13 settembre 2012

            Max

            Ma non ho capito…stai parlando di te???

  4. 13 settembre 2012

    grossofulmine

    Con tutto il rispetto, quando compro un automobile anche se guardo la pubblicità sulle prestazioni mi fido solo dell’opinione di chi l’ha acquistata. Non è diverso per la signorina Bella di Giorno, la pubblicità l’ho letta. Per capire dovrei sentire le opinioni di quelli che hanno verificato le prestazioni.

  5. 13 settembre 2012

    senzanome

    …quante banalità in questo articolo. sono cose dette e ridette da anni, sempre le stesse. però ogni nuova “escortina” che si presenta sulla scena, ecco che le spaccia come se fossero delle novità assolute… e magari crede pure di essere una grande innovatrice.

    • 13 settembre 2012

      sabina

      Caro senzanome, lo scopo dell’articolo non era dire novità assolute, ma presentare una ragazza normale che ha deciso di fare la escort. non trovi?

      • 13 settembre 2012

        senzanome

        Va bene, quando ci dirà che l’acqua è bagnata, avvertitemi, almeno sarà una novità. Voglio dire che, alla fine, tutte quelle che fanno le escort sono “ragazze normali”. Che cos’hanno di speciale? Ma il web ne è strapieno, ognuna convinta d’essere l’unica che lo fa, e tutte quante a dire le stesse cose: luoghi comuni e stereotipi che sembrano usciti da un teleromanzetto.

        • 13 settembre 2012

          MONIA

          mi sembra di percepire un certo astio, cos’hai contro le escort?

          • 13 settembre 2012

            senzanome

            Non ho proprio niente contro le escort. Alcune sono persone stupende, intelligenti, come altre sono delle emerite cretine, esattamente come avviene per ogni essere umano, anche se fa un altro mestiere. Quindi, se ho qualcosa di contrario, come ho già espresso, è nei confronti di chi scrive banalità come se fossero cose rivelate sul Monte Sinai. E questo articolo, di banalità ne è pieno. Solo mia opinione, ci mancherebbe, espressa forse in modo duro, ma sinceramente, senza astio nè insulti.

    • 14 settembre 2012

      MONIA

      L’articolo non è per niente banale, in giro non vedo molto di meglio sinceramente

      • 14 settembre 2012

        senzanome

        Se non lo vedi tu, non significa che non ci sia. Potrei indicarti decine di siti e articoli in rete dove si discute di prostituzione affrontando il tema in modo molto meno banale, ma non voglio toglierti le certezze che hai. Quindi lascio a te il piacere di scovarli.

  6. 13 settembre 2012

    Belladigiornopercaso

    Questo ‘grossofulmine2012′ asserisce di aver visto la mia pubblicità. Impossibile in quanto il mio blog è anonimo e non c’è nessun collegamento a qualsiasi tipo di pubblicità. Ho già provveduto a segnalarlo.

    • 13 settembre 2012

      grossofulmine

      gentilissimo/a sono stato frainteso, mi riferivo solo ed eslusivamente al suo scritto, mortificato per il fraintendimento involontario chiedo nuovamente scusa e spero che ciò serva a chiarire tutto. Ancora Grazie

  7. 13 settembre 2012

    grossofulmine

    L’ultima indagine specifica operata della commissione Affari sociali della Camera non calcola il numero di escort mentre invece individua dalle 50 mila alle 70 miala prostitute. Per quanto riguarda i clienti, uno studio commissionato nel 2007 dal Dipartimento Pari Opportunità ha rilevato che sono circa nove milioni gli italiani che, con motivazioni e cadenze diverse, frequentano prostitute in pratica ogni prostituta in media eroga 180 prestazioni sessuali all’anno per un reddito medio di 18mila euro all’anno…non è che convenga molto prostituirsi…..

    • 14 settembre 2012

      cexis

      Vorrei rifare i conti sul guadagno di una prostituta.
      in Italia sono 9 Milioni i clienti di prostitute, ammesso che ci vadano una volta al mese, sono 108 milioni di prestazioni, che diviso per 70.000 sono oltre 1500 prestazioni all’anno, non 180. A 50 euro a prestazione, sono 75.000 euro all’anno o 6250 al mese, tutto “pulito”.

      • 15 settembre 2012

        grossofulmine

        Si hai ragione. Un buon guadagno e quindi una professione di tutto rispetto!

  8. 13 settembre 2012

    grossofulmine

    Sono mortificato per l’accaduto e, a ogni buon conto, ho povveduto ad eliminare il messaggio dal mio blog, chiedo che venga fatto altrettando da quello in cui è pubblicato, ancora tante scuse e grazie

  9. 13 settembre 2012

    grossofulmine

    Ribadisco che mi riferivo alla pubblicità dello scritto, solo a questo, ancora grazie e spero che l’increscioso incidente si possa considerare chiuso. Mi dispiace moltissimo per il qui pro quo

  10. 13 settembre 2012

    grossofulmine

    Gentilissimo/a,
    come ho già scritto ho provveduto a cancellare dal mio blog il post e il mio commento che ha causato il fraintendimento con Lei. Chiedo e spero che facciano altrettanto gli amministratori del sito in cui è pubblicato il Suo bellissimo e davvero diretto, sincero ed immediato scritto, chiedo a loro di voler rimuovere quelle parole che hanno causato questo increscioso incidente. Francamente mi dispiace molto non poter commentare più il Suo blog che mi risultava davvero stimolante in relazione al mio piacere di scrivere. Io per scrivere ho necessità di una motivazione e, nel mio caso, il rapporto epistolare con una persona davvero geniale come Lei, rappresentava una delle ragioni che mi spingeva a scrivere di più di quanto faccio normalmente.
    Posso chiederLe di rivedere il Suo invito a non commentare più il Suo blog? Mi mancherebbe davvero tanto, era una lettura piacevole, ma come già scritto, lo stimolo maggiore mi proveniva dalla possibilità di uno scambio epistolare come appunto quello dei commenti al Suo Blog.
    Spero molto di riottenere il Suo permesso di inviarle i commenti e approfitto per salutarLa con la più viva Cordialità
    grossofulmine

    • 15 settembre 2012

      senzanome

      Ma io sono sereno. Tu, invece?
      Mi sembri leggermente indispettita dal mio commento, educato e pacato. Cos’è , non accetti critiche? :)

      • 19 settembre 2012

        belladigiorno

        Io? Indispettita? No non credo…
        Sei tu che te la stai prendendo tanto a cuore.

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro