Parte il Gay Village, matrimoni gay a go gò

Scritto da
/ / 3 Comments

© Riproduzione riservata

animazione village 174123 300x199 Parte il Gay Village, matrimoni gay a go gò

Al grido di “Stato libero con confini ma senza limiti”, puntuale come un orologio svizzero, anche quest’anno arriva il Gay Village. Si comincia giovedì con la serata d’inaugurazione. I vipziosi previsti (e strapagati?) saranno degni rappresentanti del mondo LGBT? Macchè, sono Anna Falchi, Fabio Canino, Federico Zampaglione e Maurizio Costanzo. Per fortuna, fino a settembre, vedremo qualche figura interessante: Virginia Raffaele, Iaia Forte, Lina Wertmuller. In programma c’è anche una serata ricordo dedicata a don Gallo (il prete amico dei gay) e vari appuntamenti legati al sociale.

 

Leggi anche: “Venire al Gay Village è squalificante”

IL PROGRAMMA

 40 giorni di programmazione con eventi dal giovedì al sabato. Ingresso gratuito (fino a mille persone), dalle 20 alle 21 e a 8€ il giovedì, 10€ il venerdì e 18€ il sabato. Questi gli eventi principali: Virginia Raffaele, diventata famosa per le imitazioni di Nicole Minetti ef2pymbyvr769grqzjozqa2rw8 k7upvi 300x184 Parte il Gay Village, matrimoni gay a go gò Belen (25 luglio), la regista Lina Wertmuller (19 luglio), il giovane cantautore pugliese Renzo Rubino,  (2 agosto) e Paola Turci (7 settembre). Simpaticissima l’iniziativa (11 luglio) che vedrà come protagonista Paolo Ruffini, attore e comico divenuto celebre per le sue rivisitazioni in livornese di film famosi: il presentatore di Colorado Cafè animerà un contest di doppiaggio chiamato “Troppi Film Etero? Doppia un film Gay”, nel quale i grandi classici cinematografici verranno doppiati in chiave LGBT. Per i cinefili invece ci sarà il “Gender Docufilm Fest” una rassegna cinematografica di documentari e film di genere a cura di Giona Nazzaro.

MATRIMONI GAY

Con la collaborazione dell’agenzia di weddingplanning Same Love e Dì Gay Project, all’interno del villaggio saranno celebrati i tanto discussi matrimoni gay. La cerimonia si svolge più o meno come nel rito civile classico: gli sposi firmano  “l’atto d’amore”, una sorta di contratto stipulato con la collaborazione gratuita dei legali che collaborano con l’associazione, al quale segue lo scambio degli anelli e la lettura dei diritti.

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 19 giugno 2013

    Mauro

    Sono contrario ai matrimoni gay! Il matrimonio è solo tra uomo e donna!

  2. 19 giugno 2013

    Barbara

    Adoro il Gay Village! Bel programma come tutti gli anni!

  3. 19 giugno 2013

    Federico

    Mi sono simpatici i gay e le loro manifestazioni, ma i matrimoni no!

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro