Se lui vuole farsi tradire: ecco il Cuckoldismo

Scritto da
/ / 6 Comments

© Riproduzione riservata

sopra 216x300 Se lui vuole farsi tradire: ecco il Cuckoldismo

E’ il Cuckoldismo e loro si chiamano cuckold, sweet e bull: Lui, Lei, l’Altro.
Se state pensando a marito, moglie e amante ci siete vicini ma è sull’amante che vi sbagliate: è finita l’epoca della mogliettina che riempie la casa di pane perché infatuata del ruspante panettiere (stile signora Pina). Adesso è il marito che spinge la moglie al tradimento, e con lui davanti. È il nuovo fenomeno che sta prendendo piede nella Capitale. Lui ha una certa età e, in genere, un ruolo nell’alta società, lei è giovane e bella. Per colmare le sue defaillance il signorotto borghese pensa bene di ricorrere al bullo di periferia. Me lo spiega Stefano, giovane bull di San Lorenzo che si presta a momenti di piaceri con la sweet (lei), davanti al marito. “Come avvengono gli incontri?” gli chiedo curiosa. “La maggior parte dei contatti avvengono sul nostro forum  – mi spiega – dove ci scambiamo anche consigli ed esperienze”. “Tu, sinceramente, cosa pensi di questi mariti?”. Stefano mi risponde deciso: “Sono uomini succubi, che non si sentono in grado di soddisfare la propria compagna”. Altra interpretazione mi dà la sessuologa Chiara Camerani: “Ci può essere una tendenza masochistica che si tramuta in piacere, derivato dall’essere umiliato e costretto ad accettare il tradimento o, addirittura, ad assistervi. Per alcuni uomini, invece, questa sorta di “gioco” permette di compensare una debole mascolinità; il marito accetta il tradimento della compagna e si identifica con l’altro uomo, considerato virile e potente”. E il bull si sente realizzato nel mostrare la sua virilità. Gli chiedo se si fa pagare e lui mi assicura di no: “La nostra è una comunità, lo facciamo perché proviamo piacere”.

“Non ho rappoti con mia moglie”

Stefano mi mette in contatto con un cuckold, un marito che vuole restare anonimo. E’ sotto 300x216 Se lui vuole farsi tradire: ecco il Cuckoldismoun dirigente Asl:”Non ho rapporti con mia moglie da tre anni – mi confessa – sapevo che lei cercava altrove, così ho deciso di proporle un bull. All’inizio l’ha presa malissimo ma poi l’idea è iniziata a piacerle. Adesso abbiamo un ragazzo fisso, lo portiamo in vacanza con noi, è diventato uno di famiglia”. I bull, il più delle volte, sono ragazzi di periferia che trovano nella nuova  famiglia una svolta economica. Ma il fenomeno non è solo fatto di salotti buoni e lustrini, le coppie meno abbienti usano altri mezzi: “Accompagno mia moglie sulla strada – mi dice un meccanico della Tiburtina – e passo a riprenderla dopo qualche ora. Lei si diverte e io mi eccito pensandola con altri”.

Siamo alla deriva della società? La Camerani mi rassicura: “Il Cuckoldismo, quando è frutto di un accordo condiviso e sereno compensa un calo del desiderio derivato da anni di routine e quotidianità. L’uomo, infatti, riscopre la partner come desiderabile e sensuale, mentre la “traditrice” gode dell’attenzione più o meno sessuale di due uomini, traendone gratificazione, euforia ed eccitazione”. Contenti loro…

Leggi anche:

“Ai mariti piace guardare” gigolò si confessa

Seguici anche su Facebook, metti il tuo mi piace su Sex and Rome

Ti potrebbe interessare anche:

 

[adrotate group="4"]

  1. 15 aprile 2013

    andrea

    l’essere umano non è fatto per essere monogamo e tutte queste nuove tendenze in realtà vecchie quando il mondo lo dimostrano

    • 15 aprile 2013

      Federica

      Qui non si tratta di monogamia, ma di vere e proprie perversioni! Se ti sei stancato di tua moglie la lasci, o ti trovi un amante, ma di sicuro non la inciti a tradirti con uno più bello e giovane di te… e te lo porti pure in vacanza!!

      • 15 aprile 2013

        Ross33

        La parola “perversione” è molto relativa. Per alcuni persino l’omosessualità è perversione, per altri invece tutto è lecito. Io penso che se tutte le parti sono consezienti, e si ricava piacere dalla pratica, allora non si può parlare di perversione.

  2. 15 maggio 2013

    Matteo

    beh,oddio,nuovo fenomeno non tanto… esiste da un bel po’ di anni, addirittura negli anni 90 con i primi Fermoposta, che ovviamente erano dei giornali molto limitati, perchè trasgressivi… oggi ci sono innumerevoli siti e forum, a pagamento e non, in cui ci si può scrivere e proporsi come coppia, come bull o come singola… e, se ve lo state chiedendo, si, ho provato anche io :P

    • 15 maggio 2013

      Sabina

      interessante la tua esperienza?

  3. 20 maggio 2013

    Matteo

    si abbastanza interessante Sabina… diciamo che se ne potrebbe parlare, volendo :)
    se volete saperne di più magari contattatemi

Lascia un commento

*

Current day month ye@r *

Testata registrata al Tribunale di Roma n° 255/2012 del 25 Settembre Copyright 2012 Sexandrome - Direttore: Sabina Cuccaro